Feria Tours Agenzia viaggi Spagna Portalturismohotel.com
Itinerati turistici Spagna INDICE MAPPA DEL PORTALE Guida turistica Barcelona Barcelona Informazioni Montserrat Montserrat Informazioni Costa Brava Costa Brava Informazioni Musei Barcellona Musei Barcellona Informazioni Salvador Dalí Salvador Dalí Informazioni Tour della Spagna Tour del Portogallo Marocco e Andorra Escursioni Spettacoli serali Costa Brava e Barcellona Spettacoli
Diari di Viaggio Diari di Viaggio Guide Turistiche Guide Turistiche Free Las minute Viaggi individuali Lloret de Mar Last Minute Lloret de Mar Informazioni Mete turistiche Spagna Mete turistiche Spagna i Video di Portalturismo Video Risposta modulo Prenotazione Vacanze Spagna Viaggi e turismo Scambio Link Mappa del Sito Mappa del sito  
Riservato alle Agenzie Viaggi RISERVATO AGENZIE VIAGGI Chi siamo Feria Tours Tour Operator Spagna Tour Operator Chi siamo  viaggi organizzati Viaggi organizzati Visite guidate itinerari turistici Spagna Itinerari in Visite guidate Tour in Spagna Portogallo e Marocco I Tour Spagna  
Portalturismohotel.com I viaggi di Portalturismohotel.com Viaggi Organizzati Itinerari TuristiciE-mail PortalturismoStampa questa Pagina I Tour Della Spagna del Portogallo Il Tour de Marocco e il Tour di Andorra Feria Tours Incoming Tour Operator Spagna

Le origine della Iglesia di
Sant Feliu di Girona
Vita di San Narcís


HOME PORTALTURISMOHOTEL
Tour Spagna Tour Portogallo Tour Andorra Tour Marocco weekend in spagna Home Portalturismohotel Español Accueil Portalturismohotel Fraçaise Home Portalturismohotel English


Feria Tours
Agenzia di viaggi Spagna
Itinerari turistici


CHIESA DI SANT FELIU - SANT FELIX-  GERONA
Escursione a Girona.
San Narciso e Santa Afra. 
Girona - Costa Brava - Spagna

CERCA IN PORTALTURISMOHOTEL.COM
GUIDA TURISTICA GIRONA VISITE GUIDATE

CHIESA SAN FELIX GIRONA SANT FELIU GERONA

TRA STORIA E LEGGENDA, la chiesa di San Felix, meglio conosciuta come la chiesa di San Feliu, fu la prima chiesa di Girona ancor prima della Cattedrale di Santa Maria. Il nome le viene dal santo proveniente dall'Africa (Scilium - Scillio - Silla- Tunisi - Cartago) che insieme a Sant Cugat (in catalano) meglio conosciuto come San Cucufato, portarono nella Costa Brava la testimonianza di Cristo. Alcune relique di San Cugat, sembra siano dentro la cattedrale di Santa Maria del Mar a Barcellona. In San Cugat del Vallés c'è un prezioso Monastero del IX secolo dedicato al Santo.

La testimonianza di questo passaggio storico si concretizza nella Chiesa di San Felix, che sorge sopra ad un cimitero pagano e paleocristiano dal quale sono stati estratti i bellissimi sarcofagi risalenti circa al III secolo d.c. e che oggi , potete ammirare nell'abside, al lato dell'altare maggiore sovrastato da un bellissimo Retablo..

Probabilmente nel cimitero fuori le mura venne sepolto il corpo di Sant Feliu, e come devozione, venne eretto un Martyrium. Successivamente vi nacque sopra una chiesa che divenne la chiesa della città quando ancora non esisteva la cattedrale.

LA COLLEGIATA DI SANT FELIU. 
Collegiata
significa che la chiesa pur  non essendo cattedrale, dispone di un consiglio di canonici per l'espletamento dei vari capitoli. Si deduce da questo, l'importanza della chiesa nella comunità.

IGLESIA SAN FELIX GIRONA
Girona Ponte che accesso alla città medievale.
Sullo sfondo la Iglesia de Sant Felix El Puente de Gomez.
Altri Ponti per attraversare il fiume Onyar El Puente de les Peixateries velles, El Puente Effeil e il Puente de Pedra o Iasabel II (1849)

Nel contesto si narra che San Felix o Sant Feliu fosse stato martirizzato da Daciano il quale lo avrebbe buttato giù da una rupe nella zona di San Feliu de Guixols con una macina legata al collo e che due angeli lo avrebbero soccorso. A tale proposito , la Chiesa di San Feliu de Guixols, narra la leggenda, sia stata fondata proprio da San Feliu.
In seguito al martirio, si dice, fu eretto un Martyrium ovvero un mausoleo che conteneva le reliquie del santo. Tale fatto probabilmente è l'origine della costruzione della Chiesa di San Feliu.

Di San Feliu si ha notizia che il Re Recaredo per devozione, donò alla chiesa una corona d'oro in omaggio al Martyrium, cioè quel luogo che conteneva le reliquie di San Feliu. Chiaramente questo episodio non è documentato e quindi appartiene alle Leggende di Girona. Per la cronaca Re Recaredo era un re Visigoto vissuto in Spagna nel XI secolo.
Nella Iglesia de Sant Feliu si trova anche il sarcofago di San Narciso - San Narcís in catalano, patrono di Girona, oltre importanti testimonianze risalenti dal XII al XV secolo. Su San Narciso si raccontano moltissime leggende e forse proprio in queste, troviamo i motivi per i quali divenne patrono di Girona.


Girona Chiesa Medievale di Sant Feliu stile romanico gotico e barocco

Nell'anno 1313 vennero fatte delle riforme che cambiarono almeno in parte lo stile romanico in gotico, Se si sono il colore e le fattezze dei muri si può individuare questo passaggio.  Pare che  questa chiesa sia stata fatta da Arnald Espany intorno al 1357  fu demolita.

Inoltre verso la fine del XIV secolo, Pedro el Cerimonioso costruì diverse strutture difensive per la protezione delle case e chiese fuori le mura. Tali opere servirono anche per fermare il tentativo di conquista di Joan III d'Armagnac (proveniente dalla contea della Guascogna in Francia) che reclamava il trono di Mallorca per ragioni dinastiche. Fatto avvenuto nell'ambito della guerra dei 100 anni. Quindi probabilmente molte difese di San Feliu e San Pere di Galligants sono originarie di questo periodo. 

Nel 1378 fu contato lo stesso architetto della Cattadrale Pere Sacoma per costruire il Campanile. Alla fine del XIV secolo San Feliu appariva già fortificata.  Il campanile odierno appare più corto peché la punta cadde nel 1651.

La facciata barocca. di San Felix
Sant Feliu
Pujada de Sant Feliu, 29
17004 Girona

La facciata barocca.
San Feliu
sembra seguire parallelamente le riforme nella Cattedrale infatti la facciata barocca di (Lazzaro Cisterna) riporta, circa la sessa data di quella della cattedrale (1733) ovvero circa nel 1782 quando si costruì anche la cappella di San Narciso.

I Sarcofagi. Il Ratto di Proserpina. Epoca pagana.
Il bellissimo sarcofago testimonia la ricchezza di coloro che lo acquistarono e simboleggia il passaggio delle stagioni ma anche il passaggio dalla vita alla morte. Per i cristiani invece, simboleggia il seguente passaggio dell'anima dalla morte alla vita, quindi la rinascita oppure alla redenzione dal peccato.
I protagonisti:
In ambito Greco Demetra era la Cecere dei Romani dea della terra e della fertilità.
Kore o Persefore era Proserpina considerata la dea della morte, era la figlia di Zeus (Giove) e Demetra .
Ade era Plutone il dio degli Inferi fratello di Zeus (Giove) che sposò Persefore la quale divenne regina degli inferi.

Il Ratto di Proserpina
Particolare del sarcofago pagano che si trova in Sant Feliu rappresenta il 
Il Ratto di Proserpina

Il racconto mitologico di Proserpina.
Ade che soffriva di solitudine rapì Kore e la costrinse a sposarlo inoltre, con l'inganno,  tentò di fargli  magiare della frutta tra la quale un melograno  o dodici semi del frutto, che l'avrebbe costretta  a non abbandonare più quel luogo. Fortunatamente Kore ne mangiò solo 6 (il seme rappresenta il simbolo dell'amore e della fedeltà).
Demetra visto la situazione, si arrabbiò moltissimo e poiché era la dea della terra e dell'agricoltura e della prosperità, causò un lungo periodo di carestia sino a quando Zeus mandò Hermes, Mercurio, per riprendere la figlia rapita dal fratello Ade convincendolo ha lasciar andare la sua sposa. Il patto fu possibile solo perché Kore o Persefore aveva mangiato soli 6 semi del melograno. 

Conseguentemente Kore (Persefore o Proserpina) tornò sulla terra per sei mesi con la madre che  fece prosperare la terra e di seguito nei restanti sei mesi tornava da Ade che pazientemente l'aspettava. Così i Greci pensavano di rappresentare le stagioni, la primavera e l'autunno.

Per entrare nella Chiesa di San Feliu si passa sopra una strada di pietre che provoca lievi dolori ai piedi ma la mente ci riporta in quel luogo quando le persone che vivevano nel medioevo dovevano sopravvivere alle strade scomode, alle malattie, alle guerre, alle case malsane alla carestia o alla scarsità del cibo. Infatti si dice che queste persone sopportavano tutto ciò perché la sofferenza terrena gli avrebbe aperto le porte del paradiso. Per questo si conosce la frase : siamo nati per soffrire.

Un aiuto a questa mera vita lo dava la comunità ecclesiastica che prometteva un futuro migliore. I fedeli che si preparavano per il paradiso dovevano, come accade anche oggi, pregare, fare l'elemosina o voto di povertà. Inoltre una singolare peculiarità o caratteristica dei santi, era quella di alleviare o proteggere gli uomini dal dolore fisico e spirituale, dalle malattie, dalle guerre etc. Le istituzioni della Chiesa (esempio la Pia Almoina) offriva conforto e assistenza e anche rimedi terapeudici. Di consuetudine in ogni città vi era una Chiesa che conservava le reliquie di un santo esponendole alla venerazione dei cittadini e dei pellegrini, e in quei tempi si credeva che il solo contatto fisico con la reliquia, spesso culminava in guarigioni miracolose.

Per questo motivo, normalmente una cattedrale possedeva una o più reliquie, magari provenienti proprio dalla Terra Santa. Di fatto si creava una specie di turismo che portava nella città i pellegrini che di conseguenza davano lavoro alle pensioni, ai maniscalchi, alle taverne etc. Non solo, incrementava l'arrivo dei commercianti e di seguito la città  cresceva. In sintesi veniva a crearsi un beneficio che costringeva il Vescovo e cercare fondi per ampliare la chiesa o per costruirne una nuova.

Vita di San Narciso - San Narcís.

( ricorrenza 29 Ottobre)

Sembra che San Narcís, San Narciso, fosse un vescovo itinerante del IV secolo, che in compagnia di un diacono di nome Felix (omonimo del santo di Girona), si trovasse nella città di Augusta,  dove conobbe una donna pagana, forse di facili costumi, di nome Afra (la futura Santa Afra) la quale gli offrì alloggio nella sua pensione. Il giorno successivo, il perfetto di Augusta, seppe della presenza dei cristiani nella pensione di Afra che venne per questo, condannata a morte per mezzo del fuoco il 7 di agosto del 304 d.c.

San Narcis Patrono di Girona Chiesa di San Felix
San Narcis Patrono di Girona Chiesa di San Felix

In seguito Narciso ed il suo diacono, insieme ad una parente di Santa Afra, che divenne La governante di San Narcíso, si trasferirono a Girona nella quale divenne vescovo ma nel 307 circa, durante una funzione, venne ucciso insieme al suo diacono San Felix (non San Felu da Silla dell'omonima chiesa di Girona). 

La stola di San Narciso è visibile nella Chiesa di San Feliu di Girona e si trova nella sala dove tutt'oggi c'è il sarcofago del 1792, che non contiene più le reliquie del santo ma solo gli ex voto lasciati in questi anni. Nella Iglesia de San Feliu de Gerona, San Felix di Girona è presente anche un sarcofago di alabastro relativo al XIV secolo. Il corpo di San Narciso venne trovato intatto nel X secolo divulgando maggiormente il culto sino a quando, le reliquie di San Narcís vennero bruciate, si dice, durante la guerra civile.

Nella cappella dove c'è il sarcofago, possiamo vedere anche il mausoleo del Generale Mariano Álvarez di Castro che resistette con onore, durante la guerra di indipendenza alla truppe napoleoniche nel 1809 le quali assaltarono Girona. Álvarez di Castro, costretto a cedere il comando per una forte infermità, resistette ben 7 mesi alle truppe nemiche, una volta catturato venne condotto in prigione a Perpiñan dove morì di malattia nel 1810, per questo viene considerato un eroe.

La sua residenza in Girona si trova dove tutt'ora è il palazzo di giustizia in Plaça de la Catedral, la Casa Pastors. Nella cappella troviamo anche il monumento alle Eroine di Santa Barbara, che con sprezzo del pericolo, portarono rifornimenti e munizioni ai combattenti del baluardo di Santa Chiara e trasportarono i feriti presso gli ospedali durante la guerra di indipendenza (1808/1814). Lo stesso Mariano Álvarez di Castro inoltrò un documento che parlava appunto della creazione della Compagnia di Santa Barbara al Capitàn General de Cataluña. Il monumento venne realizzato nel 1925.

IL MIRACOLO DELLE MOSCHE DI SAN NARCISO.
Di seguito le vicende del martirio di San Narciso, il ritrovamento del corpo intatto dopo vari anni, i miracoli che da esso scaturirono, accrebbero la notorietà di questa chiesa.

PER MEGLIO COMPRENDERE I FATTI STORICI VEDERE LE MOSCHE DI SAN NARCISO. Dopo l'attacco delle truppe francesi di Felipe l'Atrevido del 1285 la città e la stessa chiesa subirono importanti danni per i quali si rese necessario una riforma dal 1320 in poi. Tali riforme si effettuarono sopra una chiesa in stile romanico e per questo, si nota una diversità architettonica, propria dei due periodi, romanico e gotico.

SAN NARCISO E SANTA AFRA. Relazione tra Sant Narciso e Santa Afra - Il Santuario di Santa Afra.
Quando la storia di Afra, divenne popolare in  Girona e nei paesi vicini, i girundensi per renderle omaggio, costruirono un santuario nel 1344 a pochi chilometri dalla città: il santuario di S. Afra, che si trova in Ginestar (Sant Gregori). Curiosamente las Manzanas de San Narcíso , le mele di San Narciso  di cui si narra la leggenda, provenivano da santuario

Indice torna all'indice

Itinerati turistici Spagna NAVIGA NEL PORTALE
ITINERARI TURISTICI VISITE GUIDATE
ITINERARI TURISTICI
VISITE GUIDATE
VIAGGI A GIRONA
Viaggi organizzati Girona informazioni turistiche e Itinerari in Girona Un tour che attraversa la storia di Girona Medievale
TOUR NELLA GIRONA MEDIEVALE
I NOSTRI VIAGGI - COME PRENOTARE
I NOSTRI VIAGGI : Circuiti Turistici- Tours Spagna - Andorra - Portogallo - Marocco

PRENOTAZIONE VIAGGI DI GRUPPO E SERVIZI TURISTICI Prenotazione viaggi e servizi turistici TRAVEL SERVICES


DESCRIZIONI di ALCUNE località turistiche comprese nei nostri viaggi organizzati

PACCHETTI VACANZE LLORET DE MAR
OFFERTE VIAGGI INDIVIDUALI
LLORET DE MAR COSTA BRAVA
VACANZE SPAGNA

  1. Offerta - Lloret de Mar
  2. Vacanze di Pasqua
  3. Vacanze di Carnevale
  4. Vacanze di Natale e Vacanze di Capodanno
GIRONA VIAGGI IN COSTA BRAVA
ITINERARIO TURISTICO - LEGGENDE

VIAGGI IN SPAGNA PER VEDERE GIRONA

VIAGGI ORGANIZZATI COSTA BRAVA
VIAGGI ORGANIZZATI COSTA BRAVA

STORIA DI GIRONA GERUNDA
Girona citta medievale Costa Brava Spagna

Girona città medievale Costa Brava Spagna
Retablo Chiesa di San Feliu Girona
Retablo
Chiesa di Sant Feliu
Iglesia de San Felix
Girona
San Felix Girona Cappella di San Narcis
San Felix Girona Cappella di San Narciso
SARCOFAGO SAN NARCISO GIRONA
TERZO SARCOFAGO DI SAN NARCISO GIRONA
Sepolcro gotico di San Narcíso Girona  
Sepolcro gotico di San Narciso Gerona  

Juan de Tournai 1328
Sarcofago cristiano
Sarcofago cristiano
Iglesia de Sant Feix de Girona

Particolare della Iglesia de Sant Feiu de Girona

Info Portalturismohotel info@portalturismohotel.com ajz@feriatours.com
Viajes Feria Tours Av.da de las Alegrias 24 - 17030 Lloret de Mar - Girona Spagna Tel. +34 972 346 070 Fax +34 972 368 616

Valid HTML 4.01 Transitional Google Pagerank mérés, keresooptimalizálás LINK CONSIGLIATI: